7 pessime scuse per non sterilizzare o castrare il cane

Per qualche strana ragione ci sono ancora in giro moltissimi proprietari che hanno difficoltà anche solo a prendere l’argomento sterilizzazione/castrazione del cane. Le scuse per non farlo sono sempre tantissime, ma dobbiamo ricordarci che anche se consideriamo i nostri cani come veri e propri figli, non è esattamente così.

Fareste mangiare una torta al cioccolato al cane, o mettereste l’antiparassitario a vostro figlio? Le differenze sono enormi, e questo è un punto che deve essere ben chiaro. Abbiamo elencato alcune delle scuse più frequenti per non sterilizzare o castrare il cane.

1 – Voglio provare l’emozione di una cucciolata in casa (il miracolo della vita)

I rifugi e i canili sono strapieni di cani spesso frutto di cucciolate domestiche. Mettere al mondo altri cani, senza alcuna certezza sulla loro sorte non ha alcun senso. Per quanto possa essere una bella esperienza (molto molto faticosa), fare accoppiare il cane solo per un nostro desiderio è profondamente egoista da parte nostra.

2 – Diventa grasso

Falso. Per quanto sia vero che il metabolismo subisce delle modificazioni post-intervento, il suo peso può rimanere esattamente lo stesso rispetto a prima. E’ sufficiente fare attenzioni alle dosi, e calcolare con un veterinario il fabbisogno calorico giornaliero. niente di difficile.

3 – Dopo la castrazione non è più “uomo”

Questa è una fissazione tutta umana. Il cane non si sentirà affatto meno virile dopo l’intervento. Avrà la stessa energia e lo stesso carattere di prima, con la sola differenza che non avrà un pensiero costante che gli frulla per la testa.

Tra l’altro, è stato calcolato che negli stati uniti l’80% dei cani investiti da automobili erano maschi adulti non castrati, scappati da casa per cercare la femmina in calore nei paraggi.

4 – Cambierà personalità

Niente affatto. Se c’è un cambiamento è solo in meglio. In alcuni casi la sterilizzazione/castrazione può addirittura migliorare alcuni comportamenti fastidiosi, come le marcature eccessive ad ogni angolo della strada o fughe “d’amore”.

5 – E’ innaturale

Molte cose lo sono. Anche una ciotola è innaturale. Un maglioncino per non sentire freddo è innaturale. Anche rimanere chiusi a vita in un canile è assolutamente innaturale.

6 – Mi hanno detto che deve avere almeno una cucciolata

Chi l’ha detto? Qualcuno incontrato in area cani? Falso. Non c’è assolutamente alcuna differenza fra avere un parto e non averne affatto.

Per di più, nel maschio che si è accoppiato almeno una volta resta il ricordo indelebile di quella esperienza. Anche dopo la castrazione potrebbe correre dietro a tutte le cagnette in calore nel vano tentativo di accoppiarsi.

7 – Non posso permettermelo

Abbiamo affrontato varie volte l’aspetto economico in altri articoli (Quanto costa mantenere un cane?). In generale, sarebbe meglio non adottare un cane se non si ha la possibilità economica per farlo.

Se le circostanze della vita ci hanno portato ad averne uno in ogni caso, anche se non potevamo permettercelo, allora si può chiedere aiuto ad alcune associazioni animaliste. Su tutte il territorio nazionale vengono fatte delle massicce campagne di sterilizzazione gratuite (o quasi) per le persone che non possono permettersi di pagare il conto del veterinario e per randagi. Informatevi telefonicamente con l’associazione più vicina della vostra zona.


Non perdere tutti gli Aggiornamenti GRATIS: Clicca su Mi Piace!

Commenti

commenti