Quale guinzaglio scegliere?

Si fa un gran parlare di collari o pettorine (con tutte le diatribe connesse ala scelta dell’uno piuttosto che dell’altra), ma quando si arriva al guinzaglio la scelta non sembra avere la stessa importanza.

Ci permettiamo di dissentire, e vogliamo oggi fare una piccola carrellata fra i guinzagli disponibili in commercio. Non parleremo del fattore estetico, assolutamente personale, ma solo di praticità e opportunità di un guinzaglio piuttosto che un altro.

Il guinzaglio: come scegliere al meglio

Basta entrare in un qualsiasi negozio di animali per trovarsi di fronte pareti immense piene di guinzagli tutti diversi, per forma, materiali  e colori. Iniziamo col dire che per legge il guinzaglio deve avere una lunghezza di 1 metro e mezzo, e questo sarà il parametro a cui ci riferiremo.

Non troverete mai a polizia municipale con un metro in mano a controllare i centimetri esatti del guinzaglio, ma è giusto sapere qual è la lunghezza consentita specie in caso di problemi. e’ chiaro che se andate in giro con un guinzaglio di 5 metri potreste avere qualche problema.

Un metro e mezzo, oltre che la lunghezza massima consentita, dovrebbe anche essere vista come la lunghezza minima. Con una “libertà” di un metro e mezzo il cane può liberamente odorare ciò che gli pare e mantenersi a una distanza di sicurezza accettabile (possiamo sempre ridurre la distanza in caso di problemi).

Per questi motivi, il guinzaglio che vedete qui sotto è assolutamente sconsigliato.

guinzaglio-cortissimo

Troppo corto, non lascia quasi nessuno spazio di movimento al cane.

Guinzaglio tradizionale o estensibile

Il guinzaglio tradizionale va sempre bene. Una piccola precisazione va fatta solo per quel che riguarda i materiali. E’ preferibile non scegliere un guinzaglio a catena, dato che potremmo farci anche molto male alle mani se il cane dovesse tirare improvvisamente e non abbiamo una presa salda sulla maniglia. Discorso analogo anche per i guinzagli di corda: lo sfregamento potrebbe ferirci alle mani. Un guinzaglio classico, piatto, va benissimo. Meglio se di un tessuto flessibile (quelli in cuoio, più rigidi, sono più difficili da gestire).

guinzaglio-normale

Una soluzione per certi versi ancora migliore è il cosiddetto “guinzaglio da addestramento“. Non si tratta di un accessorio magico che addestrerà il cane in pochi minuti. La particolarità sta nel fatto che è fornito di anelli in posizioni intermedie tramite le quali è possibile regolare la lunghezza del guinzaglio in situazioni diverse.

guinzaglio-addestramento

Con questo tipo di guinzaglio avremo la possibilità di allungare il guinzaglio se ci troviamo in un posto poco frequentato, e lasciare in questo modo maggiore autonomia al cane nelle esplorazioni al nostro fianco, e diminuirla se ci troviamo in un’area particolarmente affollata.

Guinzaglio estensibile

Sul questo tipo di guinzaglio abbiamo talmente tante obiezioni che ne parleremo in un articolo separato fra qualche giorno. Continuate a seguirci! guinzaglio-estensibile


Non perdere tutti gli Aggiornamenti GRATIS: Clicca su Mi Piace!

Commenti

commenti