Prendere un secondo cane: consigli utili

Se siete arrivati su questa pagina probabilmente avete deciso o avete sempre sognato di avere un secondo cane. Proviamo a vedere quindi quali sono le indicazioni utili per la scelta e per una serena convivenza fra i due una volta adottato.

Perché il secondo cane?

Di motivi ce ne sono milioni e non sono elencabili tutti. Ognuno ha una sua motivazione personale per farlo, ma due buone ragioni per cominciare sono queste:

  • Gioco: le attività divertenti si moltiplicheranno. Non sarete più costretti a rincorrere il vostro cane in giardino o a lanciare palline costantemente. Se la scelta è stata fatta bene, i due si troveranno a meraviglia, e potranno svolgere attività per le quali noi umani non siamo proprio portati, vedi: lotta, rincorrersi, esplorare, rotolarsi su schifezze etc etc..
  • Solitudine: non è un luogo comune. Lasciare il cane solo a casa è un trauma per molti di noi. Con un secondo cane questo problema è parzialmente risolto, dato che i due si terranno compagnia a vicenda. Questo naturalmente non vuol dire che potrete lasciarli 12 ore in casa da soli perchè “tanto sono insieme”. Non funziona in questo modo. I due potrebbero anche sentirsi rassicurati dalla presenza dell’altro. “Da soli non c’è alcuna certezza” come scrivevamo nell’articolo isolamento sociale del cane.

Maschio o femmina?

Se possibile è meglio scegliere un cane di sesso opposto a quello che abbiamo già, in modo da evitare conflitti. Due maschi, specie se adulti e interi, potrebbero non convivere serenamente. Anche due femmine non sterilizzate non saranno da meno, con la particolarità che se dovessero litigare si farebbero molto male. Le femmine a differenza dei maschi non ritualizzano i litigi più di tanto. Quando se le danno, lo fanno seriamente.

Compatibilità fra cani

E’ altamente consigliabile scegliere un cane della stessa taglia e coetaneo del cane che abbiamo già. Un cane anziano e un cucciolo difficilmente si troverebbero a giocare come matti. L’esuberanza e le energie del cucciolo potrebbero infastidire un nonnetto che ha bisogno di tranquillità e sicurezza in casa sua.

Oltre all’età anche la taglia è importante. Due cani della stessa taglia infatti potranno giocare in modo equilibrato, senza il rischio che uno dei due schiacci accidentalmente l’altro o lo ferisca in modo grave. Non è una regola inviolabile. Alcune volte anche con grosse differenze di taglia i due potrebbero diventare amici inseparabili. E’ solo un consiglio.

La presentazione del nuovo cane

Non pensate neanche per un attimo di rientrare a casa con il nuovo cane. Se l’avete già fatto e non è successo niente, siete stati fortunati, oppure avete due cani adorabili.

La soluzione da preferire è quella di incontrarsi in territorio neutro (un parco ad esempio) dando la possibilità ai due di conoscersi e familiarizzare in uno spazio aperto. Una volta fatte le presentazioni potrete rientrare in casa con entrambi i cani e vigilare sull’esplorazione degli ambienti da parte del nuovo cane.

Convivenza

Mettete da parte per il momento giochi, premi e altre risorse importanti. Il “vecchio” cane potrebbe sentirsi invaso dal nuovo arrivato e voler difendere con i denti le sue risorse.

Ciotole separate e lettini distanti in un primo momento. Se nessuno dei due è possessivo nei confronti del cibo potrete farli mangiare e dormire insieme dopo qualche giorno. Se tutto va come previsto, troveranno ben presto un loro equilibrio, e se ciò non dovesse succedere, siate pronti a intervenire in situazioni di conflitto, prendendo all’inizio le difese del “vecchio” cane.

Potrebbe interessarti: Il mio cane mi ringhia quando mangia


Non perdere tutti gli Aggiornamenti GRATIS: Clicca su Mi Piace!

Commenti

commenti