Proteggere le zampe del cane dalla neve e dal ghiaccio

Quando in inverno le temperature scendono vertiginosamente e la neve ricopre le strade delle nostre città, è importante non dimenticare che anche i nostri cani hanno bisogno di protezione dal freddo. Le zampe, in particolare, hanno bisogno di cure appropriate.

Il cane sente freddo?

Ne abbiamo già parlato in diversi articoli. Qui vale la pena ricordare che la temperatura corporea del cane è di 38 gradi circa. Una casa riscaldata con una temperatura di 18° potrebbe essere fredda per noi, ma assolutamente ideale per il cane. Il tipo di pelo del cane e le sue abitudini di vita fanno inoltre molta differenza.

Mentre nell’uomo, da un follicolo si sviluppa un solo pelo, nella maggior parte dei cani ci sono due tipi di peli che crescono dallo stesso follicolo: il sottopelo e il pelo di protezione (cioè il manto normale).

Ogni pelo è circondato da 6 – 12 peli secondari, ovvero il sottopelo, che agisce come isolante grazie alla sua elevata densità. Il pelo di protezione (cioè quello “normale”) è più folto e influenza l’aspetto del cane con le diverse colorazioni. Questo tipo di pelo, protegge dalle lesioni e forma un ulteriore strato isolante.

Ci sono cani senza pelo, a doppio pelo (con pelo e sottopelo) e altri con pelo “normale” ma privi di sottopelo.

E’ abbastanza chiaro che i cani senza sottopelo hanno assoluto bisogno di dormire al caldo, e generalmente anche di essere “vestiti” quando vanno all’esterno.

Per approfondire l’argomento leggi qui: Pelo, sottopelo e muta stagionale.

Le zampe e la neve

Tornando all’argomento principale, come dicevamo prima, le zampe e i cuscinetti del cane meritano un’attenzione particolare se fate passeggiate sulla neve.

Di per se, il gelo e la neve non sono un problema enorme. La maggior parte dei cani sarà preso dall’euforia se lasciato libero di correre sulla neve. Un po’ lo stesso effetto che fa la sabbia in spiaggia.

Il nemico numero uno in questi casi è invece molo spesso sottovalutato: il sale.

Il sale ha infatti la proprietà di abbassare il punto di congelamento dell’acqua. Sulle strade si usano generalmente cloruro di sodio (il comune sale da cucina) e cloruro di calcio. Il primo si utilizza sulle strade ancora sgombre a scopo preventivo, mentre il secondo, molto più efficace, viene sciolto in soluzione e versato sulla neve o sul ghiaccio già esistenti.

Il problema? Il sale si attacca ai cuscinetti alla base delle zampe provocando lesioni e irritazioni. Naturalmente la soluzione non è rinchiudersi in casa fino a quando la neve non si sarà sciolta, ma prendersi cura delle zampe una volta tornati a casa.

Al rientro, è opportuno infatti pulire accuratamente le zampe e il ventre del cane. Per farlo possiamo utilizzare una pezza umida o le salviette per cani che potrete trovare in qualsiasi negozio di animali. Abbiate l’accortezza di passare anche nello spazio interdigitale (fra le unghia, per intenderci).

Alcuni consigliano di adoperare la vasellina a scopo preventivo prima di uscire di casa. Non abbiamo provato questa soluzione perchè sembra piuttosto scomoda, ma non neghiamo che possa funzionare.

Scarpe per Cani

Come ultimo rimedio possiamo provare anche le scarpette per cani. Nella maggior parte dei negozi di animali (specie al nord) si trovano in varie colorazioni e misure. In questo caso resta il problema di far abituare il cane alla sensazione di averle addosso.

Nulla di complicato per la verità, ma occorrerebbe abituarlo con largo anticipo per evitare di ritrovarsi all’ultimo minuto di fretta. Se non le trovate nei negozi (non tutti le hanno), o se lo trovate più comodo, potete ordinarle direttamente su Amazon cliccando sui link qui sotto:


Non perdere tutti gli Aggiornamenti GRATIS: Clicca su Mi Piace!

Commenti

commenti